RSS

Archivi categoria: Lazio

22 Gennaio 1944/2014 – 70° dallo sbarco

Settanta anni fa le truppe anglo-americane sbarcavano ad Anzio, o forse a Nettuno o meglio, con buona pace delle due che cittadine che oggi si contendono stralci di memoria, sulla intermedia linea di costa. Sono tante, in questi giorni, le iniziative per commemorare il settantesimo anniversario dell’operazione Shingle, fra le quali il conferimento della cittadinanza onoraria di Anzio a Roger Waters, cantautore e compositore britannico fondatore dei Pink Floyd, figlio di un militare caduto durante i combattimenti che seguirono allo sbarco.

“Alle ore due del giorno 22 gennaio del 1944, il VI corpo d’armata  agli ordini del generale Lucas sbarca sulla costa di Anzio. Sulla zona le unità tedesche sono quasi inesistenti. Il generale Alexander, che si trova sul posto, sottolinea l’opportunità di spingere avanti pattuglie mobili, dotate di buona potenza di fuoco, per prendere contatto con il nemico. Anche Churchill è d’accordo su questo punto e risponde: “Vi ringrazio per il vostro messaggio. Sono felicissimo che procediate rapidamente a puntare in profondità, invece di attardarvi a consolidare la testa di ponte”. 

Furono gli americani a non avere il coraggio di procedere speditamente verso Roma? oppure i tedeschi riuscirono a riorganizzarsi in poco tempo opponendosi all’avanzata? che ruolo ebbe la popolazione civile? Secondo lo scrittore Antonio Pennacchi ci fu una sorta di “resistenza dei coloni” contro gli alleati (L’Espresso n. 2 anno LX del 16/1/14). Il protrarsi dello scontro fu imputabile ad un errore strategico degli americani oppure i tedeschi furono aiutati dalla popolazione civile ed in particolare dai coloni che, grazie a Mussolini, avevano trovato lì terre da redimere, poi da coltivare e quindi nuovo lavoro e speranze per il futuro? In entrambi i casi si  sottovalutarono le conseguenze: la lunga fase di stallo nei combattimenti portò la battaglia a protrarsi proprio lì, su quelle terre faticosamente strappate alle acque.

Intanto la popolazione di Cisterna apprende dello sbarco e pensa che la guerra sia al termine, invece la cittadina sta per trasformarsi in campo di scontro feroce.

Potrà sembrare inconsueto che un blog speleologico tratti questi avvenimenti e forse lo è, ma solo in parte. Nel 2011 la nostra associazione ha intrapreso lo studio delle Grotte Caetani di Cisterna di Latina. Come sempre, le indagini sono partite dalla contestualizzazione degli ipogei, realizzata con ricerche bibliografiche e di archivio. In breve ci si è resi conto della necessità di provare a ricostruirne la storia a ritroso, partendo dall’analisi degli eventi più recenti che avevano visto le grotte trasformarsi in rifugio per la popolazione civile. Da lì la consapevolezza di dover affrontare lo studio anche con l’intento di restituire, per quanto possibile, “memoria ai luoghi”.

Per ricostruire come la popolazione civile visse quei giorni abbiamo ascoltato i protagonisti dell’epoca e dato voce al volume “A nord del cielo di Anzio e Nettuno”. L’autore, padre Eugenio Calderazzo, era un frate  cappuccino che si trovava casualmente a Cisterna in visita alla famiglia e che rimase nelle grotte a fianco dei cisternesi. Il racconto ha un pathos che cresce con il passare dei giorni, di pari passo con il peggioramento della situazione sul campo di  battaglia, come peraltro confermano i dispacci dal fronte. Abbiamo allora unito gli uni agli altri, il racconto di Padre Eugenio e le relazioni dei comandi interessati e ne è nato un “diario” di rara intensità.

Cisterna aveva già subito altre due volte la totale distruzione: nel 1165, durante le lotte tra Federico Barbarossa e il papato e nel 1328, ad opera delle truppe di Ludovico il Bavaro. Nel gennaio 1944, a seguito dello sbarco, la popolazione di Cisterna sarà costretta a rifugiarsi per 48 giorni nei numerosi sotterranei scavati, mentre la sfortunata città sarà distrutta per la terza volta nella sua storia (Mariotti, 1968; Caldarazzo, 1966).

La già difficile storia di Cisterna

La origini di Cisterna sono antichissime come accertato da ritrovamenti preistorici nella zona. Poi però, nonostante la vicinanza di una grande opera pubblica come la via Appia e le due vicine stazioni di posta di Tres Tabernae e Ad Sponsas, allo stato delle conoscenze non è stato possibile accertare se il primario insediamento strutturato sia stato realizzato o meno su un impianto romano. Gli inizi certi di Cisterna come centro abitato risalgono all’VIII sec. d.C., quando vi fu costruita una vasta azienda agricola (domusculta). Nel 967 è attestato un “casale cisternae”, sotto il controllo dei Conti di Tuscolo, signori del Lazio meridionale; il casale divenne poi un castello fortificato dei Conti nel 1112 (castrum Cisternae). Nel 1146 i Frangipane presero il controllo del luogo trasformandolo in un borgo, protetto dalla Torre Frangipane che, ricostruita nel XIII secolo, domina ancora oggi l’abitato.

Nel 1165, durante le lotte tra Federico Barbarossa e il papato, Cisterna subì la prima distruzione.

La decadenza dei Frangipane portò già alla fine del XIII sec. il borgo sotto l’influenza dei Caetani. La prosecuzione degli scontri tra papato ed impero ebbero per conseguenza la seconda completa distruzione di Cisterna nel 1328, ad opera delle truppe di Ludovico il Bavaro.

Ciò che rimase della cittadella vide ancora tanti cambi di proprietà nel corso del XV secolo: dai Frangipane agli Orsini e da questi ai Caetani, che subirono numerose confische ed assassinii perpetrati da Alessandro VI Borgia, fino a quando papa Giulio II restituì loro le terre nel 1504. Da quel momento in poi Cisterna rimase feudo indiscusso dei Caetani. Nel 1560 la cittadina, divenuto nucleo agricolo di una certa importanza, assunse la configurazione di centro residenziale e amministrativo delle proprietà Caetani. Bonifacio Caetani iniziò la costruzione del grande palazzo inglobando l’antica torre Frangipane del XIII sec. e il pozzo-cisterna situato ancora oggi nel cortile centrale (Pennacchi, 2011).

La vita a Cisterna proseguì finalmente tranquilla. Trovandosi ai margini della grande palude fu interessata a vario titolo dalle numerose quanto sfortunate opere di bonifica della piana, sino a quella decisiva degli anni ‘30 intrapresa da Mussolini.

La vita nelle Grotte

Bollettino del Comando supremo delle Forze Armate. “Nelle prime ore del 22 (gennaio 1944 ndr) truppe Anglo-americane sono sbarcate ai due lati di Nettuno, sulla costa del Mar Tirreno…”.

A Cisterna la popolazione civile si trasferisce ovunque sotto terra, negli innumerevoli ambienti ipogei della città (cantine, cunicoli, gallerie) che prendono il nome dei proprietari: Grotte Caetani, Grotta Luiselli, Grotta Corsi, Grotta Paliani, Grotta Zampini, Grotta Carolina. E chissà in quante altre andate distrutte delle quali non si è conservata memoria.

Ed ecco il racconto di padre Eugenio, in corsivo virgolettato, unito alle notizie provenienti dal fronte.

22 gennaio 1944

Dal fronte: la mattina del 22 gennaio 1944 la 24° Brigata Guardie, avamposto della 1° Divisione di Fanteria britannica, effettua lo sbarco senza trovare alcuna opposizione: i due battaglioni tedeschi che si trovano in zona evitano di esporsi troppo. I porti di Anzio e Nettuno sono presi intatti e non ci sono truppe tedesche a presidiare la strada verso Roma.

“Centinaia di apparecchi sorvolano Cisterna, assordante rombo di motori, di mitraglia e di bombe. Come in un richiamo atavico si va sotto terra, nel tentativo di essere accolti in un grembo protetto”.

23 gennaio 1944

Attaccata al muro di pozzolana, tra due mazzetti di semprevivi, qualcuno ha appeso l’immagine di una dolce Madonna col bimbo. Vicino una lampada ad olio. Fa da sottofondo il pianto dei bimbi”.

Dal fronte: contrariamente alle prime già riportate considerazioni del Generale inglese Alexander, condivise da Churchill, ovvero l’opportunità di spingere avanti pattuglie mobili dotate di buona potenza di fuoco per prendere immediato contatto con il nemico, le prime settantadue ore vengono spese dal Generale americano Lucas in attacchi esplorativi di scarsa rilevanza in direzione di Cisterna e Campoleone, senza tentare alcuna avanzata. Entro la sera del giorno 23 le due divisioni sono al completo. Il generale Lucas si è limitato a rafforzare la testa di sbarco, preoccupandosi che venissero sbarcati automezzi e materiali. Quando decide di partire si trova di fronte 8 divisioni tedesche.

25 gennaio 1944

Dal fronte: Il generale Alexander riferisce che  la testa di sbarco può considerarsi ragionevolmente sicura. La 3′ divisione americana si trova a 5 Km da Cisterna e su tutto il fronte viene mantenuto il contatto con il nemico. Il 1° Battaglione Irlandese ed il 1° Scozzese vengono respinti mentre tentano di prendere Campoleone, ma anziché ripiegare, tengono la posizione.

“Il ricovero Caetani subisce il battesimo del sangue: usciti per attingere l’acqua muore un padre e due giovinetti rimangono feriti”.

26 gennaio 1944

“Nelle grotte Caetani fanno capolino i primi abusi e la prepotenza di alcuni inizia a dare fastidio. ‘Siamo tutti uguali’, ripetuto spesso, preoccupa. Hanno fiducia in me, nella mia ascendenza sacerdotale, e allora mi costituisco capo del ricovero. Si scappa dalla grotta di Luiselli in cerca di asilo in grotte più sicure. Scendo per benedire le vittime rimaste sepolte e trovo scene strazianti”.

Echi di guerra_IMG_2304_01-21-2014 

27 gennaio 1944

“Contrasto di luce e tenebre anche oggi: luce di sole nel cielo effuso di perle, tenebre di notte, sotterra, nelle grotte affumicate da lucignoli e qualche mozzicone di candela. Si celebra la messa di ringraziamento per lo scampato pericolo di ieri. Il parroco celebra un battesimo nella grotta Corsi. Cadono bombe sulla grotta Paliani seminando distruzione e morte”.

Dal fronte giungono gravi notizie: né Cisterna, né Campoleone sono state conquistate; la brigata Guardie ha respinto un contrattacco di fanteria e carri armati e ha fatto qualche progresso, ma si trova ancora a 2,5 Km da Campoleone, mentre gli americani sono sempre a sud di Cisterna.

28 gennaio 1944

“Raggiungo tutte le grotte per spiegare che il parroco Nardini ha abbandonato la città autorizzandomi a sostituirlo in ogni funzione, fatta eccezione per i matrimoni”.

29 gennaio 1944

“Boati agghiaccianti come venisse la fine del mondo danno a tutta la città sotterranea l’aspetto di una terrificante bolgia. Grida disperate, pianti e svenimenti. Si spengono anche i lumi e la grotta diviene oscura, come una tomba che sta per chiudersi su tanta vita. La grotta Zampini e Carolina si riempiono d’acqua proveniente dalle distrutte dal bombardamento della mattina. Alcuni volontari usciranno per andare a chiudere le saracinesche ed impedire il disastro”.

30 gennaio 1944

“Quasi ogni grotta ha avuto il suo battesimo di sangue. Le vittime vengono deposte in cimiteri improvvisati. Passi frettolosi lungo la scala di accesso alle Grotte Caetani: uno scoppio scuote la grotta, una granata è scoppiata all’ingresso. Da tutte le nicchie è vociare di grida e pianti, convulso chiamare di persone. Poi la tragedia appare in tutta la sua feroce realtà: due morti e due feriti”.

Dal fronte: il VI corpo d’armata americano guadagna un po’ di terreno, ma la 3′ divisione americana non riesce a conquistare Cisterna.

2 febbraio 1944

“In tutte le grotte continua la lotta per la vita: vite che soccombono e che germogliano. Cinque battesimi, compaiono come fiori alcuni nastri bianchi nelle grotte”.

Dal fronte: il generale Alexander visita nuovamente il fronte e manda a Churchill un nuovo rapporto sulla situazione. La resistenza tedesca si è accentrata intorno a Cisterna e a Campoleone. Non è possibile sferrare nuova offensiva fino a che non vengano conquistate le due località. La 3′ divisione americana si è battuta duramente per Cisterna negli ultimi giorni e gli uomini sono stanchi, demoralizzati e lontani ancora quasi un chilometro dal centro della città.

3-4 febbraio 1944

“Nelle grotte si cerca di ammazzare il tempo. Gli uomini giocano a carte o si prestano per la pulizia: le donne rammendano i pochi indumenti restanti, i bambini stanno ad osservare. Alle 16.30 giunge un gruppo di profughi proveniente dai vari borghi, ma il rifugio è già sovraffollato. Sono sette persone, li facciamo entrare per passar la notte, domani si vedrà…”.

Dal fronte: il 1° Battaglione Irlandese viene improvvisamente accerchiato e catturato dai tedeschi che tentano di condurli nelle proprie retrovie. Ne segue una colluttazione durante la quale 20 tedeschi restano uccisi e 9 fatti prigionieri.

Padre Eugenio racconta che il rifugio è già sovraffollato, nelle grotte ci sono ormai quasi cinquemila persone. Per avere un’idea di cosa significa vivere (non scendere durante i bombardamenti o dormirci la notte, ma vivere per 48 giorni) in tanti in un ambiente sotterraneo buio, illuminato con candele e non areato, basta guardare la planimetria delle Grotte Caetani. Per quanto si tratti di ambienti imponenti è evidente che le famiglie vivessero unite le une alle altre, senza privacy, senza spazio per stendersi e dormire contemporaneamente, senza vie di fuga in caso di rastrellamenti e rappresaglie o di crolli dovuti ai bombardamenti.

 

18-22 febbraio 1944

“I tedeschi ricominciano a scendere nelle nostre grotte: questa volta non per ubriacarsi, ma per rappresaglia. Nella mia ne sono scesi tre, armati di tutto punto, cercando uomini validi che sembrano scomparsi. Gli spiegano che non c’è più nessuno. Risalgono con rumore di scarponi ferrati”.

1 Marzo 1944

“È un mese e nove giorni che si vive nelle grotte! Quanto tempo ci si resterà ancora? Chi lo sa! Forse giorni, forse mesi… Nelle grotte ci si comincia ad abituare a non starci tanto male, ma qualcuno vuole starci meglio e vanta pretese, diritti…”.

3-6 marzo 1944

“I briganti nelle tenebre. Già nella mia grotta era sparita molta farina raccolta per il pane comune ai primi di febbraio e si era pensato che fosse stata venduta la mercato nero. Invece. Briganti veri e propri si aggiravano di notte a rubare gli oggetti nascosti da molte famiglie nei giardinetti delle abitazioni”.

14 Marzo 1944

“Siamo qui dentro da 45 giorni. I volti sono tutti uguali: sbiancati, dalle occhiaie infossate per estenuazioni e privazioni di ogni genere”.

Dal fronte: i tre battaglioni della 24° Brigata Guardie hanno perso l’ottanta per cento della forza ed il 1° Battaglione Irlandese ha cessato di esistere come forza combattente.

19 Marzo 1944: sfollare la città entro 24 ore!

“La mattina in molte grotte vi era stata una gara a  preparare un degno altarino per la celebrazione della Festa di San Giuseppe. L’ordine tedesco si diffonde in un baleno. O restare per morire bruciati da bidoni di benzina nelle grotte che, così purificate, sarebbero servite da casematte, oppure affrontare l’esilio verso ignorate destinazioni. Ci si prepara ad uscire dalle grotte. Ma dove andremo?”

I giorni delle grotte finiscono così. Il 19 Marzo del 1944 tutti gli abitanti di Cisterna vengono sfollati verso Roma e Velletri. Il legame con la storia è certamente ancor oggi l’aspetto più significativo delle grotte Caetani, tanto che Felice Poliani, ex sindaco di Cisterna, definiva le Grotte Caetani un “Tempio della Memoria”. Il 19 Marzo di ogni anno, a Cisterna, viene commemorato l’Esodo cisternese.

La battaglia andò avanti. Ad aprile gli americani riuscirono finalmente ad uscire dalla situazione di stallo conquistando Aprilia. A maggio, raggiunti dai rinforzi, sferrarono una dura offensiva che prese il nome di “Operazione Buffalo”: i tedeschi furono costretti a cedere Littoria (Latina) e si arroccarono su Cisterna orami deserta. Gli Alleati concentrarono qui i loro sforzi e dopo una battaglia durissima riuscirono ad entrare a Cisterna. La battaglia terminerà il 25 Maggio 1944. Nella foto di repertorio l’ingresso della 3°, 34° e 45° Divisione Rangers nel Palazzo Caetani dove i tedeschi si erano asserragliati. L’Agro Pontino era finalmente liberato… ma la città di Cisterna non c’era più, rasa al suolo con gli edifici distrutti per il 96%.

Le Grotte Caetani oggi

Il complesso ipogeo di Cisterna di Latina denominato “Grotte Caetani” conserva ancora l’accesso principale dalla scala elicoidale del Palazzo omonimo ed è costituito da una serie continua ed interconnessa di sotterranei scavati all’interno dell’esteso banco tufaceo sul quale è sorto il primo nucleo storico di Cisterna di Latina. Il risultato di dettaglio degli studi condotti è stato presentato all’VIII Convegno Nazionale di Speleologia in Cavità Artificiali (Ragusa, Settembre 2012) e pubblicato in atti. Ad esso si rimanda per una informazione completa.

In sintesi è possibile evidenziare che la planimetria dei sotterranei, proiettata sulla topografia attuale di Cisterna, restituisce l’evidenza che le “Grotte Caetani” non si sviluppano, in realtà, sotto al palazzo Caetani ma ne costituiscono un ingresso secondario affacciato verso il Fosso di Cisterna e la via Appia Antica; probabilmente associato a stalle o magazzini. Osservando la stessa planimetria proiettata sulla mappa del catasto Gregoriano si ha la conferma che anche in precedenza alcuni ambienti non erano correlati al palazzo nobiliare ma piuttosto alle abitazioni sovrastanti, comunicando con l’ipogeo principale attraverso aperture posticce realizzate verosimilmente durante I Giorni delle Grotte. Si tratta di pertinenze di alcune abitazioni che affacciavano sul Fosso di Cisterna, ancora individuabili nelle foto scattate prima della guerra (esposte nei locali del vecchio Municipio). È plausibile che anche le altre abitazioni allineate lungo il torrente disponessero di analoghe strutture sotterranee. Purtroppo la guerra e più di recente l’intubamento del Fosso di Cisterna hanno cancellato ogni eventuale traccia residuale.

L’analisi tipologica e strutturale delle Grotte condotta dai ricercatori del Centro Ricerche Sotteranee Egeria ha posto in evidenza che in realtà l’area sotterranea denominata Grotte Caetani non è un unicum ma deriva dall’unione di quattro distinte macro-zone, unite le une alle altre. L’unione delle Gallerie Caetani con i sotterranei della chiesa di San Pasquale per la necessità di dotare il rifugio sotto la chiesa di un secondo accesso, durante i Giorni delle Grotte, è riportato con chiarezza dalle fonti (Mariotti, 1968). Le maldestre aperture (brecce) presenti sui lati della grande cisterna sono invece controverse. Forse rese necessarie per raggiungere, durante i Giorni delle Grotte, gli ambienti lungo il fosso i cui ingressi erano crollati a causa dei bombardamenti tombando chi si era rifugiato in quella zona. Oppure procurate dai tedeschi che si erano asserragliati nel palazzo Caetani per creare transiti di piccole dimensioni più facilmente controllabili rispetto alle ampie gallerie e sale? Ecco come si presentano, oggi le quattro diverse zone.

Le Gallerie Caetani (in verde), pertinenza del palazzo omonimo, in alcuni casi rimaneggiamento di preesistenti strutture adattate alle necessità della residenza. Le ampie gallerie possono essere raggiunte ancor oggi dal Palazzo Caetani per mezzo della scala che percorsero i cisternesi durante i Giorni delle Grotte. È probabile che in questa prima zona i Caetani ospitassero magazzini, cantine e attività correlate alla produzione di vino e/o olio. Le tracce di incavi sulle pareti e sulla volta, ancora visibili, hanno fatto ipotizzare la presenza di un torchio per la spremitura di uva o olive.  La scala elicoidale raggiungeva anche le cucine (attuale sala dei Presepi) e poteva consentire il trasporto a dorso di mulo di derrate alimentari o altro. Anche gli ambienti secondari tutt’oggi visibili (camere laterali di grandi dimensioni) potevano essere stalle o magazzini, anche se gli eventi narrati hanno cancellato ogni indizio di eventuale diversa funzione.

I sotterranei della Chiesa di San Pasquale Baylon ( in rosso ) sono raggiungibili dall’ultima camera a sinistra delle Gallerie Caetani, con una risalita da attrezzare con scala o corda. Questa zona costituiva una struttura altra rispetto ai sotterranei del Palazzo Caetani, collegata alla soprastante Chiesa di San Pasquale Baylon oggi scomparsa, ma ancora presente nell’attuale toponomastica cisternese e della quale è ancora ben visibile, all’esterno, parte del basamento. Il passaggio che oggi la congiunge alle gallerie Caetani è stato realizzato durante la II Guerra Mondiale.

La grande cisterna sotterranea ( in blu) era in origine strutturalmente separata dalle Grotte Caetani e dalle cantine che descriveremo nel seguito. Gli attuali passaggi sono in realtà “brecce” realizzate nelle mura di contenimento della cisterna. Le aperture dalle quali si accede sembrano relativamente recenti, realizzate forse durante la Seconda Guerra Mondiale per l’adattamento dei sotterranei a rifugio. All’estremità sud è presente una struttura ad arco ogivale, che separa il pozzo circolare, distinto dalla cisterna stessa e chiuso in alto da tavelloni moderni. All’estremità nord si nota un corposo e vasto interramento proveniente dal fosso esterno. La posizione dell’unico pozzo presente, posto approssimativamente al di sotto dell’attuale Via delle Scuderie, suggerisce che l’opera potesse essere anche collegata alle scuderie del palazzo Caetani, ragionevolmente collocate proprio in questa zona, tra la summenzionata strada e Via del Pozzo di Nerone.

Sono infine identificabili, con accessi sul lato est della cisterna, un ipogeo quasi del tutto ostruito da frane ed una serie di ipogei comunicanti tra loro (in giallo) fra i quali di notano almeno cinque ambienti che, pur oggi collegati fra loro, conservano tratti che li differenziano profondamente, li attribuiscono a funzioni diverse e in taluni casi li correlano alle abitazioni soprastanti.

Ecco l’esempio di come una indagine speleologica in cavità artificiali può contribuire a ricostruire frammenti della nostra storia, più o meno recente.

Carla Galeazzi©Egeria Centro Ricerche Sotterranee

____________________________________________

Opere citate

P. Caldarazzo da Montefusco E., 1966, A nord del cielo di Anzio e Nettuno. Tipografia Leone, Foggia.

Galieti A., 1948, Le origini medievali di Cisterna Neronis. Archivi della Società Romana di Storia Patria, Volume LXXI, pp.89-108, Roma.

Mariotti U., 1968, Storia di Cisterna, Latina.

Pennacchi L. M., 2011, Cisterna e i Caetani. Arte e committenza fra Cinquecento e Settecento. Dalai Editore.

 

Tag: , , , , , , , , , ,

Antico sbarramento sul Rio della Tenuta vicino Ponte di Ponte (Corchiano, Viterbo)

Dopo l’imponente sbarramento sul Fosso delle Pastine, simile ad una diga ad arco che manteneva stabili i terreni agricoli a monte, (vedi https://speleology.wordpress.com/2015/10/01/antico-sbarramento-corchiano-gallese/), abbiamo rintracciato una struttura analoga, già nota in letteratura e situata circa 800 metri a NNO, su un fosso diverso e parallelo: il Rio della Tenuta. Anche in questo caso siamo di fronte ad uno sbarramento alto circa 9 metri destinato al contenimento dei terreni soprastanti e formato da blocchi tufacei di circa 1,5×0,5×0,5 metri posti sia di fianco che di testa.

A differenza del primo sbarramento non vi è traccia di cunicoli di alleggerimento e il muro si presenta angolato di alcuni gradi verso monte. L’inclinazione è ottenuta con un leggero sfalsamento dei grandi blocchi, che non si sovrappongono perfettamente ma risultano disassati di una decina di centimetri a partire dalla base. Lo sfalsamento si riduce progressivamente in altezza, fino a raggiungere la perfetta sovrapposizione nelle ultime file al coronamento. Il grande muro interrompe e si sovrappone ad una precedente via a gradini che dal fosso saliva al pianoro soprastante.

A differenza dello sbarramento di Fosso Pastine, nelle cui immediate vicinanze non sono note altre strutture complesse, in questo caso ci troviamo a breve distanza da un grande insediamento rupestre, da alcune tombe e dalla struttura nota come Ponte di Ponte, dove un ponte-acquedotto protetto da un imponente cunicolo portava l’acqua da un lato all’altro della stessa profonda forra.

L’insediamento si trova esattamente a margine del terreno agricolo controllato dallo sbarramento prima descritto, su un crinale che presenta ipogei sia sul lato verso il pianoro che sul lato a strapiombo sul Rio della Tenuta. Dall’estremità dell’insediamento si può scendere nella forra attraverso un’ampia strada tagliata nella roccia e ancora praticabile, pur se interessata da alcuni crolli. La struttura dell’acquedotto di Ponte di Ponte è del tutto compatibile con lo sbarramento sul Rio tenuta ed è molto probabile che galleria, muraglione, tombe ed insediamento fossero fra loro correlati.

Poco più a valle abbiamo scoperto un’ampia cavità di origine naturale (prodotta probabilmente dalle anse del torrente) che reca molteplici ed evidenti tracce di scavi e riadattamenti antropici.

Testo e immagini  ©Carlo Germani – Archivio Egeria Centro Ricerche Sotterranee

 

Tag: , , , , ,

Analogie fra gli insediamenti rupestri della Tuscia (Alto Lazio, Italia) e della Cappadocia (Turchia)

Piccionaie della Tuscia

La Cappadocia, si sa, rappresenta l’Eden per chi si occupa di speleologia in cavità artificiali. Intere città ricavate in un’unica rupe tufacea, chiese affrescate, cenobi scavati lungo le valli alle pendici di antichi vulcani, colombaie ed apiari rupestri, abitazioni ipogee. E ancora opere di drenaggio a protezione di terrazzamenti, cisterne, cunicoli. Un paesaggio di indiscutibile bellezza e fragilità (non a caso dichiarato patrimonio UNESCO) che presenta innumerevoli analogie con la Tuscia dove intorno al IX – X secolo dopo Cristo, più o meno nello stesso periodo della civiltà rupestre cappadoce, si sviluppò un analogo fenomeno di religiosità cristiana che ci ha lasciato in eredità eremi e monasteri scavati nel tufo ed ornati da pitture. Il parallelo Cappadocia-Tuscia non è nuovo: alcuni anni fa una equipe dell’Università della Tuscia condotta dalla Dottoressa Andaloro intraprese un lungo ed interessante progetto di studi sulle due realtà storiche ed artistiche, coronato da una mostra fotografica tenuta nel 2009.

Sepolture rupestri della “Valle Nascosta” di Karlik ©EgeriaCRS riproduzione ed uso vietati

A nostra volta, dopo innumerevoli campagne speleologiche condotte in Cappadocia (vedi anche https://speleology.wordpress.com/2014/08/31/karlik-cappadocia-insediamento-rupestre/), ci è parso interessante rivisitare alcuni insediamenti del viterbese. La verifica ci ha consentito di rintracciarne altri, ancora sconosciuti, e di effettuare nuovi parallelismi tra le due realtà che, pur geograficamente distanti appaiono molto simili.La ricerca non è complessa. Basti considerare che le pareti delle vallate attorno a Vallerano e ad altri borghi della Tuscia sono letteralmente “crivellate” di strutture ipogee.

Dislocazione degli ipogei rivisitati

Il tufo in cui sono scavati gli insediamenti della Tuscia è però diverso da quello di Cappadocia. Compatto e piuttosto resistente il primo, di colore chiaro, friabile e poco resistente il secondo. Nel primo si conservano ancora strutture ipogee romane ed etrusche, ben più antiche del IX-X secolo, nel secondo difficilmente si sono conservate strutture preesistenti. La ricerca si è concentrata sugli insediamenti più noti: San Lorenzo, Grotta Sant’Angelo, San Leonardo e San Salvatore.

Il primo, San Lorenzo, è situato al confine con il comune di Vignanello. È costituito da numerosi ambienti raccolti in piccoli nuclei, disposti su più livelli su un ampio fronte. Si notano magazzini, ricoveri per animali, abitazioni, forni e cappelle. In una delle cavità si conservano labili tracce di affreschi.

Grotta S. Angelo si trova due Km a sud di Vallerano ed è attualmente irraggiungibile. Era costituita da un grande ambiente affiancato a piccoli ricoveri. Gli affreschi segnalati da Calosso (Calosso, 1907) non ci sono più, probabilmente asportati abusivamente (Raspi Serra, 1976).

Cavità ad ovest di Grotta S. Angelo©EgeriaCRS riproduzione ed uso vietati

Qualche centinaio di metri ad ovest di Grotta S. Angelo abbiamo però ritrovato una cavità in precario stato di conservazione, caratterizzata da una grande croce sulla parete di fondo, un piccolo ricovero e i resti di una colombaia. Il che ci fa presumere che l’insediamento fosse molto più esteso rispetto a quanto oggi ritenuto. Nelle immediate vicinanze, si trova ancora una fonte alimentata da un lungo cunicolo di captazione.

Rilievo topografico cavità ad ovest di Grotta S. Angelo©EgeriaCRS riproduzione ed uso vietati

Cunicolo di captazione della fonte di Vallerano©EgeriaCRS riproduzione ed uso vietati

San Leonardo è un insediamento monastico, forse benedettino, datato al XII – XIII secolo. Sorgeva su un promontorio tufaceo, nel quale fu scavato, è molto articolato e sviluppato su vari livelli raccordati da brevi tratti di scale. Varie campagne di scavo ne hanno messo in luce gli aspetti notevoli. Si trattava di un insediamento autosufficiente, dotato di cappelle, abitazioni, depositi. Nelle vicinanze del nucleo abitativo non abbiamo notato altre strutture ipogee.

San Leonardo a Vallerano©EgeriaCRS riproduzione ed uso vietati

Della grotta di San Salvatore, dopo una serie di distacchi importanti della parete rocciosa avvenuti a fine ‘800 e purtroppo ripresi anche pochi anni fa, rimane solo un riparo sotto roccia affacciato sul Fosso di Puliano. Sono ancora visibili (ma per quanto?) resti di affreschi del IX – X secolo che, anche se molto degradati ed evidentemente a rischio, appaiono di ottima fattura e veramente degni di interesse. La “grotta” è quanto rimane di cenobio benedettino che si sviluppava su almeno due livelli.

San Salvatore a Vallerano©EgeriaCRS riproduzione ed uso vietati

San Salvatore a Vallerano©EgeriaCRS riproduzione ed uso vietati

Anche in questo caso non abbiamo notato ipogei nelle immediate vicinanze, ma potrebbero essere stati obliterati dai crolli della parete rocciosa. Per raggiungere la Grotta di San Salvatore, partendo da Vallerano, si attraversa il profondo vallone a nord dell’abitato sul cui fondo scorre il Rio Ferriera. Questo è delimitato da alte falesie tufacee traforate da strutture rupestri in gran parte abbandonate e spesso nascoste dalla vegetazione.

Il toponimo “ferriera” ricorda la presenza di antichi opifici lungo il corso del torrente: sono ancora visibili strutture ormai dirute in corrispondenza di due piccole cascate e alcuni resti di canalizzazioni. La maggior parte delle “grotte” sono note localmente con nomi che ne richiamano la forma o la funzione: i “quadratini” sono le file di nicchie sulle pareti delle colombaie, le “finestre” grandi aperture che si affacciano sulla vallata.

Gli ipogei iniziano già dall’abitato di Vallerano e molte di questi sono tutt’ora in uso come magazzino, cantine e depositi. Man mano che ci si allontana dal borgo, lungo il versante sud del vallone, gli ipogei appaiono progressivamente più trascurati, fino a che una serie di crolli della falesia ne interrompono la continuità. Abbiamo visitato e rilevato una dozzina di strutture, ma molte sono state tralasciate perché scarsamente rilevanti o irraggiungibili senza un adeguato intervento di ridimensionamento della vegetazione spontanea. Su questo lato della valle non sono presenti terrazzamenti agricoli e tutte le cavità sembrano destinate alla conservazione di beni. Spesso appare anche evidente una continuità d’uso fino a tempi molto recenti, cosa che rende estremamente difficoltosa la datazione.

Una delle cavità più grandi presenta, oltre ad alcune strutture murarie di protezione verso l’esterno, un’ampia cisterna sottostante alimentata da cunicoli. La conserva d’acqua è raggiungibile anche dall’interno dell’ipogeo tramite un pozzetto. Difficile ipotizzare la destinazione d’uso della struttura: probabilmente si tratta di un ricovero per animali ma non si può escludere un utilizzo antropico o perfino cultuale.

La cisterna Vallerano©EgeriaCRS riproduzione ed uso vietati

La serie delle cavità termina nella grande struttura nota localmente come “I finestroni”, ampie ed irraggiungibili aperture affacciate sulla vallata. Costituita da vari ipogei raccordati fra loro da un lungo corridoio, presenta un unico (e ben difendibile) ingresso dal lato E.

“I finestroni” Vallerano©EgeriaCRS riproduzione ed uso vietati

“I finestroni” Vallerano©EgeriaCRS riproduzione ed uso vietati

F:Vallerano552 Finestroni ValleranoFinestroni Vallerano Mode

Rilievo topografico “I finestroni” Vallerano©EgeriaCRS riproduzione ed uso vietati

Sul lato nord del vallone, peraltro strutturalmente molto vicino al cenobio di San Salvatore prima descritto, si trovano altri ipogei tra cui una cisterna. Tutti sono chiaramente legati ai terrazzamenti agricoli. Su entrambi i versanti sono presenti colombaie (per i locali noti come “I quadratini”) in posizione decentrata rispetto ai nuclei abitativi e alle terrazze coltivabili.

“I quadratini” vicini al Cenobio di San Salvatore©EgeriaCRS riproduzione ed uso vietati

Rilievo topografico “I quadratini” vicini al Cenobio di San Salvatore©EgeriaCRS riproduzione ed uso vietati

Rilievo topografico “I quadratini” (versante opposto a precedente) Vallerano©EgeriaCRS riproduzione ed uso vietati

Allo stato delle ricognizioni, nella Tuscia non sono emerse opere idrauliche di drenaggio a difesa delle zone agricole, molto comuni invece in Cappadocia, mentre i raggruppamenti di chiese, magazzini, cisterne e piccionaie risultano comuni ad entrambi i siti. A titolo di esempio riportiamo lo schema di un piccolo insediamento da noi rilevato nel 2001 nella Valle dell’Arco Oscuro (Cappadocia), circa due km a NE di Uchisar. Anche qui, attorno ad alcuni terrazzi agricoli ormai abbandonati, sono raggruppate una cappella con tracce di pitture, un magazzino, un ricovero e, appena più decentrata, una piccionaia ricavata in un “camino delle fate”.

Cappadocia Valle dell’Arco Oscuro. Foto Archivio Egeria CRS

Cappadocia, insediamento Valle dell’Arco Oscuro©EgeriaCRS riproduzione ed uso vietati

Cappadocia, insediamento Valle dell’Arco Oscuro

Copyright: contributo di Carlo Germani; testi, immagini ed elaborati grafici ©Egeria Centro Ricerche Sotterranee. La riproduzione di testi, immagini ed elaborati grafici è vietata in assenza di autorizzazione espressamente richiesta ed esplicitamente concessa.

Bibliografia di riferimento

Andaloro M., a cura di, 2009, Terra di roccia e pittura. La Cappadocia e il Lazio rupestre. Gangemi Ed., Roma.

Calosso Bertini A., 1907, Gli affreschi della Grotta del Salvatore presso Vallerano. In Arch. Società Romana di Storia Patria, XXX, 1907, pp. 184-241.

Falconi L., Spizzichino D., Margottini C., Delmonaco G., Corradini A., 2005, La stabilità geologica della parete rocciosa contenente l’insediamento rupestre e gli affreschi romanici del S.S. Salvatore (Vallerano-VT). ENEA, in rete, http://www.afs.enea.it/protprev/www/index.htm (marzo 2016).

Felici A., Cappa G., 1992, Santuari rupestri in provincia di Viterbo. Informazioni, semestrale del ccbc della Provincia di Viterbo, Nuova serie – Anno I, n. 7, Luglio – Dicembre 1992, pp. 120-127.

Raspi Serra J., 1976, Insediamenti rupestri religiosi nella Tuscia. In Mélanges de l’Ecole française de Rome. Moyen-Age, Temps modernes, tome 88, n°1, 1976, pp. 27-156.

Zucconi L. et alii, 2012, Biodeterioration agents dwelling in or on the wall paintings of the Holy Saviour’s cave (Vallerano, Italy). International Biodeterioration & Biodegradation, Volume 70, May 2012, Pages 40-46.

16 cisterna 1

Cisterna vicina al Cenobio di San Salvatore©EgeriaCRS riproduzione ed uso vietati

 

Tag: , , , , ,

Un tempio ipogeo lungo la Via Amerina.

Sin dalla preistoria le grotte sono state intensamente frequentate dall’uomo con svariate finalità che vanno dal trovarvi un comodo rifugio a cercarvi una via privilegiata per un contatto con le divinità ctonie. La nostra cultura ha in proposito una casistica vastissima: dagli oracoli greci, all’antro nel quale nasce Mitra, alle grotte delle sibille, alle innumerevoli sorgenti sacre dimora di entità superiori. Questa premessa per dire che non dovrebbe stupire il trovare una grotta destinata a culto; imbattersi però in una cavità con chiari segni di un culto indù ci ha procurato sorpresa e un leggero senso di straniamento.

IMGP4503

La località (Ponte di Valle Romana) ha una sua umile grazia: seguendo un sentiero lungo uno dei tanti fossi della campagna laziale (Fosso del Fontanile) si giunge ad un piccolo specchio d’acqua – chiamarlo laghetto risulterebbe fuorviante – prodotto da una svolta nel letto del ruscello; il luogo è abbellito da una cascata di 4-5 metri, che scende da rocce tufacee. Qui il sentiero, alto qualche metro sopra l’acqua, è protetto da un corrimano di corda; si può scendere fino all’acqua grazie ad alcuni scalini scavati nella roccia.

IMGP4560

La grotta è ampia e ben rifinita (circa 18 metri di lunghezza per 4 di larghezza); verso il fondo, in mezzo alla sala, trova posto un altare ornato da due candelabri di legno intagliato. Al centro dell’altare un quadro con figure femminili e maschili: difficile per noi definirne il ruolo.

20160124_110836

Tutt’intorno sulle pareti, lumi ad olio ricavati da comuni vasetti di vetro. All’entrata, in una nicchia sulla destra le immagini di due personaggi, evidentemente figure di riferimento o comunque di importanza per la comunità che ha allestito l’insieme. Il corrimano, gli scalini, la pulizia della grotta testimoniano la cura e la frequentazione dei fedeli.

Rilievo topografico copyright Archivio Egeria Centro Ricerche Sotterranee. Riproduzione ed uso vietati.

Accanto alla grotta-santuario se ne apre una seconda di dimensioni minori, quasi del tutto crollata e priva di segni di utilizzo recente. Entrambe sono state censite nel catasto cavità artificiali del Lazio (data base speleologico) con la sigla CA560LaVT.

Non siamo certi della associazione religiosa di riferimento, ma molto probabilmente si tratta della vicina comunità Hare Krishna Gauramandala che probabilmente utilizza la grotta come luogo di meditazione e svago durante il periodo caldo. In tutti i modi l’insieme merita il rispetto dovuto ad ogni attività di devozione e la possibilità di poter funzionare senza ingerenze malevole: Namaste!

Di Vittoria Caloi ©Egeria Centro Ricerche Sotterranee. Riproduzione di immagini e testi vietata in assenza di autorizzazione espressamente richiesta ed espressamente concessa.

 

Tag: , , , ,

Su Opera Ipogea 1/2015 Acquedotto Traiano: la scoperta del dimenticato ramo di Santa Fiora

Copertina della rivista Opera Ipogea 1/2015. Un particolare dell’acquedotto Traiano, ramo di Santa Fiora, foto Carlo Germani archivio EGERIA CRS

Abstract dell’articolo

L’acquedotto Traiano, realizzato per volere dell’imperatore Traiano nel 109 d.C., è il decimo degli undici ac­quedotti di Roma antica. Raccoglieva le acque di molte sorgenti attorno al lago di Bracciano, sui monti Sa­batini, e raggiungeva Roma con un percorso in gran parte sotterraneo. Uno dei caput aquae dell’acquedotto era situato a SE di Oriolo Romano, in una zona nota oggi come Santa Fiora. Da qui un condotto scendeva verso il lago per ricongiungersi con il collettore circumlacuale. Il ramo proveniente da Santa Fiora fu taglia­to in un’epoca imprecisata tra il VI e il IX secolo e mai più ripristinato, tanto da essere del tutto dimenticato. Gli speleologi del CRS Egeria e di Roma Sotterranea, effettuando una accurata indagine sul territorio, lo hanno riscoperto ed esplorato e ne hanno ricostruito dettagliatamente il percorso. Vengono illustrate le ca­ratteristiche costruttive del condotto e dei pozzi. Viene infine discusso il modo con cui le acque superavano il notevole dislivello esistente tra le sorgenti e il lago.

Parole chiave: Cavità artificiali, antichi acquedotti sotterranei, acquedotti romani, Roma, Traiano, Aqua Traiana.

 

 

Tag: , , , , , , , , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: