RSS

Ponte di Mele (Velletri, Roma)

25 Feb

Parlando di “declino culturale” di una nazione, o di un popolo, si pensa a monumenti abbandonati, a recinzioni che celano per anni qualcosa in perenne restauro, a monumenti resi inaccessibili dal pericolo di crolli che prima o poi si verificano, a rovi che infestano antiche vie, fori e basiliche. In realtà il vero declino si annida, come un demone, ancor più nei dettagli.

L’Italia possiede una parte considerevole del patrimonio artistico e culturale dell’umanità e forse per questo l’attenzione si è da sempre concentrata sulle opere più note e rilevanti, trascurando opere “minori” che, a ben vedere, tali non sono.

Il Ponte di Mele, a Velletri, è una delle tante vittime dell’incuria, ma soprattutto dell’inciviltà di chi lo ha trasformato in discarica. Le sponde del canale, il greto e le parti ipogee sono completamente sommerse da rifiuti: lavatoi, cassonetti, copertoni, cassette, damigiane, reti… oltre alle immancabili bottiglie di plastica.

Invitati ad effettuare un sopralluogo speleologico al canale ipogeo addossato al Ponte di Mele dalla direttrice del Gruppo Archeologico Veliterno, da sempre impegnato nella segnalazione e nel recupero delle testimonianze e delle tracce archeologiche e storiche del territorio, con stupore ci siamo trovati di fronte ad una struttura ancora intatta, che ben testimonia le capacità progettuali dei nostri avi. Nonostante alcune fonti (Severini F., 2001) dessero il ponte per scomparso. L’equivoco potrebbe essere sorto perché effettivamente non è possibile accedere alla struttura senza il consenso esplicito dei proprietari dei fondi privati che insistono fra la provinciale e il fossato, oppure percorrendo il greto del torrente per un lungo tratto e in condizioni molto disagevoli.

Nel IV secolo a.C., durante la costruzione della Via Appia, i Romani dovettero affrontare anche il superamento del Fosso di Mele, situato pochi Km a sud-ovest di Velletri, ai piedi dei Colli Albani. Lo fecero utilizzando la tecnica del “ponte sodo”, ampiamente attestata in Etruria, nel Lazio settentrionale e in Campania, che consiste nello scavo di un cunicolo atto ad incanalare le acque del torrente in modo tale da non dover deviare il tracciato viario. Contestualmente, si rese evidentemente necessario realizzare anche un arco in grandi blocchi di tufo allo scopo di prolungare il cunicolo per non modificare il perfetto rettilineo dell’Appia. Questo forse a causa della scarsa tenuta di una parte dei terreni, poiché il condotto vero e proprio appare scavato in un blocco di lave compatte.

Da osservare che la zona ai piedi dei Colli Albani, fino al margine delle paludi Pontine, fu interessata da una vasta opera di bonifica realizzata anche con lo scavo di cunicoli di drenaggio (vedi p.es. Quilici Gigli, 1983). E’ possibile, quindi, che la lingua lavica sia stata sottoscavata e il fosso a valle approfondito per evitare l’impaludamento dei terreni a monte prima della realizzazione dell’Appia, quando Roma inviò i primi coloni nell’area. Le dimensioni dello scavo, decisamente superiori a quelle degli altri cunicoli della zona, potrebbero essere funzionali allo smaltimento delle piene del fosso.  L’arcata in blocchi di tufo fu invece realizzata per il corretto allineamento del ponte alla via consolare.

Seguendo il flusso orografico del torrente si incontra dapprima l’arco a tutto sesto, realizzato in blocchi di tufo, alto oltre 3 metri e largo 3,5 metri. Dopo 3-4 metri la struttura in muratura si innesta nel cunicolo scavato, che prosegue ancora per 12-13 metri. Questa parte risulta evidentemente modificata dal millenario passaggio del torrente e si presenta con 4-5 metri di larghezza per oltre due di altezza nel punto più alto. Non sono più visibili tracce della originaria sezione del cunicolo, né i segni di scavo. Tornato all’aperto il torrente prosegue rettilineo per altri 16 metri fino ad un salto di un paio di metri che forma una piccola cascata.

Vari autori hanno descritto il Ponte di Mele, ma mentre sui trattati del ‘900 non si trova cenno al degrado dell’area, evidentemente ancora assente, ne parlano tutte le relazioni che dalla fine del XX secolo arrivano sino ai nostri giorni. Nel ‘700 il pittore Labruzzi immortalò il viadotto in un famoso acquerello che mostra un Ponte di Mele ben visibile, facilmente percorribile e soprattutto non sommerso dai rifiuti. Un sogno lontano…

Purtroppo la scarsa valutazione delle possibili conseguenze, la limitata conoscenza del (proprio) territorio,  hanno reso lo smaltimento dei rifiuti nei fossi pratica molto diffusa un po’ ovunque. Ne consegue che la bonifica dell’area comporterà interventi non trascurabili, che tuttavia vivamente auspichiamo, in linea con le speranze del Gruppo Archeologico Veliterno che da tempo svolge una attiva campagna di sensibilizzazione per la riqualificazione dell’area.

Perché la speleologia si occupa anche di riqualificazione ambientale? Lo smaltimento dei rifiuti nel sottosuolo, quando non nasce da fatti criminosi, è dovuto in buona parte all’ignoranza delle possibili conseguenze degli sversamenti sugli acquiferi carsici e sulle acque superficiali. Per questi motivi l’impegno della speleologia organizzata in Italia non si limita alla semplice constatazione della presenza di inquinanti ma, ove possibile, elabora di concerto con le strutture locali strategie per arginare il fenomeno e recuperare gli ambienti ipogei danneggiati.

La Società Speleologica Italiana, associazione di protezione ambientale riconosciuta dal competente ministero della quale siamo soci, dal 2005 organizza e coordina la manifestazione “Puliamo il Buio”, giornate dedicate alla pulizia degli ambienti sotterranei (http://www.puliamoilbuio.it) ed alla sensibilizzazione delle comunità locali tramite mostre e convegni tematici, attività didattiche nelle scuole e pubblicazioni. Gli speleologi, infatti, possiedono le adeguate conoscenze tecniche e l’esperienza per muoversi in sicurezza nel mondo sotterraneo e possono segnalare e in parte risolvere casi di inquinamento e di degrado di grotte e ambienti ipogei che altrimenti resterebbero sconosciuti (Germani et alii, 2008).

Nel periodo 2005-2013 gli speleologi, contando prevalentemente sul volontariato ed attraverso una serie di operazioni sotterranee talvolta molto complesse, ha riportato all’esterno ed avviato a discarica autorizzata circa 140 tonnellate di rifiuti solidi, sottraendoli così al ciclo delle acque. Si tratta purtroppo solo di una piccola porzione dei rifiuti giacenti nel sottosuolo, che è stato possibile estrarre grazie all’opera di individuazione e segnalazione degli speleologi.

Ipotesi di valorizzazione del Fosso e del Ponte di Mele

Il Ponte appare ancora integro e la riqualificazione dell’area potrebbe essere attuata anche grazie ad interventi privati che mettano a disposizione risorse, o mezzi, per la rimozione dei rifiuti. La successiva valorizzazione potrebbe essere conseguita con investimenti economici di minima entità, creando un breve percorso naturalistico che consenta l’affaccio sul tratto a monte e, con diverso livello di fruibilità, l’attraversamento del condotto sotterraneo fino all’affaccio sulla cascata posta una ventina di metri più a valle. Una adeguata cartellonistica didattica/ambientale completerebbe il progetto riconsegnando ai cittadini veliterni, e non solo, un’opera bella ed importante posta sulla “regina viarum” lungo il territorio pedemontano di Velletri.

Per quanto è stato possibile riscontrare nel corso del sopralluogo effettuato il 26 gennaio 2014, i rifiuti visibili sembrano riconducibili al tipo “urbano” (art. 184 del D.Lvo. n.152/2006) e, allo stato, non è stata fortunatamente notata presenza di rifiuti tossici o nocivi. La disponibilità della nostra associazione è mirata alla riqualificazione della porzione ipogea e di quella immediatamente a ridosso della struttura archeologica, con rimozione manuale dei rifiuti presenti e trasferimento degli stessi all’esterno per consentirne il recupero dall’alto con mezzi meccanici..

Al termine della bonifica ambientale sarà probabilmente necessario procedere alla regolazione delle sponde ed alla realizzazione di opportune canalizzazioni per le acque piovane. Ci auguriamo che questo aspetto possa essere valutato e posto in essere dal Consorzio di Bonifica di Pratica di Mare nell’area del quale ricade il Ponte di Mele.

Carlo Germani e Carla Galeazzi ©Centro Ricerche Sotterranee Egeria

Bibliografia essenziale

Ponte di Mele:

Lilli M., 2008, Velletri – carta archeologica. L’Erma di Bretschneider, Roma, 2008, pp. 831-832.

Quilici L., 1991, Il Ponte di Mele sulla via Appia. In Arch. Cl. XLIII, 1991, pp. 317-327.

Quilici Gigli S., 1983, Sistemi di cunicoli nel territorio tra Velletri e Cisterna, In: Quaderni del centro di studio per l’archeologia Etrusco-Italica, Atti V Incontro di studi del Comitato per l’Archeologia Laziale, Ed. C.N.R., Roma, 1983.

Quilici Gigli S., 1996, Sui cosiddetti Ponti Sodi e Ponti Terra. In Atl. tematico di topografia antica n.5-1996, Strade Romane, Ponti e Viadotti, L’Erma di Bretschneider, Roma, 1996, pp. 11-12.

Severini F., 2001, Via Appia II da Boviallae a Cisterna di Latina. In Antiche Strade Lazio, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma, p. 81.

Riqualificazione delle aree ipogee:

Germani C., Perissinotto ML., Martini M. (2008) – Grotte e discariche: l’esperienza di “Puliamo il Buio” 2005-2007. In: Atti convegno: Acque interne in Italia: uomo e natura. Accademia Nazionale dei Lincei, Roma, 2009.

 
 

Tag: , , , , , , , , , , , , ,

4 risposte a “Ponte di Mele (Velletri, Roma)

  1. Cristiana Sibaud

    3 aprile 2014 at 23:04

    da veliterna, solo una parola: grazie infinitamente!

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: