RSS

Sabato 28 Settembre Puliamo il Buio all’emissario Albano

24 Set

Il Centro Ricerche Sotterranee Egeria, nell’ambito dell’iniziativa promossa dalla Federazione HYPOGEA www.hypogea.it in collaborazione con Parco dei Castelli Romani e Comune di Castel Gandolfo, ha preso parte  sabato 28 settembre alla pulizia straordinaria dell’incile dell’emissario Albano.

L'incile dell'emissario Albano prima della ripulitura. Foto C. Galeazzi archivio CRS Egeria.

La collaborazione fra i gruppi afferenti ad Hypogea e gli operatori del Parco dei Castelli Romani ha permesso di rimuovere circa 400 kg. di rifiuti, in larga parte di origine vegetale (piante spontanee infestanti, vegetazione in decomposizione nel condotto di alimentazione esterno dell’emissario), oltre a bottiglie di plastica e vetro, lattine, copertoni di auto, padelle ed altro.

Nel corso della mattinata abbiamo ricevuto la visita, inaspettata e graditissima, del Sindaco di Castel Gandolfo, signora Milvia Monachesi. Il TG2 di sabato 28 settembre ha mandato in onda un servizio girato nel corso delle operazioni di ripulitura dell’incile.

Puliamo il buio è una iniziativa della Società speleologica italiana che quest’anno si è svolta dal 27 al 29 settembre 2013 in diverse grotte e cavità artificiali italiane (Abruzzo, Campania, Lazio, Puglia, Sicilia, Sardegna e Trentino). L’utilizzo di ipogei naturali e artificiali quali discariche è un fenomeno purtroppo molto diffuso e i danni provocati all’ambiente carsico, alle risorse idriche profonde e alle acque ipogee in generale sono incalcolabili.

L'incile dell'emissario Albano dopo la ripulitura. Foto C. Germani. Archivio CRS Egeria.

La manifestazione è la sezione speleologica di “Puliamo il mondo” coordinata da Legambiente, edizione italiana di Clean up the World, il più grande appuntamento di volontariato ambientale a livello planetario.

Dal 2005, anno della prima edizione, al 2012 la manifestazione Puliamo il Buio della Società Speleologica Italiana ha consentito di rimuovere 130.817 kg di materiali, recuperati e avviati a discariche autorizzate, sottraendoli così al ciclo delle acque sotterranee, grazie all’opera volontaria di centinaia di speleologi.

Naturalmente si tratta di una piccolissima frazione di rifiuti presenti nel sottosuolo”, dichiara il responsabile del progetto SSI, Francesco Maurano. “Ma vuole essere un segnale di allarme per le Amministrazioni locali affinché possano essere avviate opere di bonifica vere e proprie”.

Informazioni su PIB, programma 2013 e risultati delle passate edizioni al sito www.puliamoilbuio.it

 

Tag: , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: