RSS

Ciao Alessandro

10 Gen

Così finisce

(Riva Gran Carro, Bolsena, Settembre)

Il mio passo, oggi,

è sotto il grande pioppo.

L’onda sale dal fondo

e spruzza sulle pietre

nebbia dorata di giorni lontani.

Trema il respiro dei canneti

tramonta

e io appendo il frutto a quel ramo.

(da “…Una nuvola luminosa poi che è passata” di Alessandro Fioravanti).

Una telefonata di Fabrizio che non avremmo voluto ricevere mai, contro ogni logica perché il tempo scorre invece per tutti, inesorabilmente: “Babbo si è spento serenamente nella sua casa di Bolsena l’8 gennaio, all’età di 95 anni”. Raccolgo in un flash ricordi e cuore, che si è fatto un po’ più piccolo e prometto a Fabrizio che ci rivedremo presto a San Lorenzo Vecchio perché mi piacerebbe ricordare Alessandro proprio lì, intorno a un fuoco che riscalda e un bicchiere di vino in mano.

Un altro amico si è messo in viaggio, chiudendo un capitolo della sua e nostra vita. Ma il dispiacere per la perdita si stempera nella certezza che abbia avuto il privilegio di una vita intensamente vissuta e che ora, in qualche modo, abbia raggiunto la sua amatissima Gabriella, compagna di vita e di avventure, alla quale aveva dedicato la raccolta di poesie che comprende quella in apertura.  Ci aveva regalato il volumetto insieme ad una raccolta di articoli dal titolo “Giornalisti e subacquei nel Lago di Bolsena”, stampata tipograficamente nel 2006: una sorta di rassegna stampa delle campagne di archeologia subacquea – e non solo – che aveva condotto nei dintorni e nelle profondità di quel lago che rappresentava per Alessandro una passione totalizzante.  Sono riportati tanti successi e soddisfazioni e qualche rammarico per esiti non proprio felici dovuti a scoperte fatte da lui e dal suo staff ma attribuite ad altri.

Grazie a lui, ai figli Fabrizio e Giulio e a Lamberto Ferri Ricchi che ci mise in contatto, realizzammo la campagna di indagini speleologiche nell’antico insediamento di San Lorenzo.  Uno studio lungo due anni mirato a ricostruire idealmente l’antico borgo attraverso indagini bibliografiche ed analisi delle uniche strutture superstiti: quelle ipogee.

Da innamorato dei luoghi, proprietario del fondo su cui sorge l’antico insediamento di San Lorenzo e poi anche ingegnere minerario e incomparabile conoscitore della zona, ci ha supportato nel corso di tutta la campagna di studi con l’urgenza e la frenesia tipica dell’età che avanza. Abbiamo trascorso insieme tanti bei momenti che conserviamo nel cuore e nel ricordo. Volevamo finire “in tempo” per lui e ci siamo riusciti, completando le indagini e consegnandogli il censimento degli oltre cento ipogei, il rilievo topografico dei 40 ritenuti più significativi, la ricostruzione del borgo e delle sue pendici.

Le conclusioni dello studio sono state presentate al VII Convegno Nazionale di Speleologia in Cavità Artificiali tenuto ad Urbino nel dicembre 2010 (atti pubblicati sulla rivista Opera Ipogea 1/2-2011). So che ne è stato contento.

Un grande abbraccio Alessandro, da parte di tutti noi, Vittorio compreso.

Biografia di Alessandro Fioravanti (dal sito http://www.alessandrofioravanti.it, 2010)

Nato a Bolsena nel luglio del 1917, all’età di 25 anni partecipa come Sottotenente del Genio alle operazioni militari sul fronte russo. Nel 1945 si laurea in Ingegneria Mineraria presso l’Università di Roma ed inizia una splendida carriera; dal 1946 al 1952 Capo Servizi Principali nelle miniere di Mercurio del Siele (Monte Amiata); dal 1952 al 1954 Direttore dei lavori per la costruzione della Carrettiera Panamericana Norte in Perù; dal 1955 al 1962 Direttore Ente Zolfi Italiani a Caltanissetta (Sicilia).

La grande passione per il lago di Bolsena, condivisa dalla moglie Gabriella, inseparabile compagna di immersione, sboccia nel 1959 con la scoperta nei fondali del Lago, in località “Gran Carro”, di un grande insediamento palafitticolo dell’età del ferro, detto appunto del “Gran Carro”, e dell’ “aiola”, grande monumento dell’età del bronzo. Nel 1960 fonda l’Unione Archeologica dell’Etruria, poi Gruppo Archeologico Romano, insieme a Ludovico Magrini, Ferdinando Barbaranelli e Luigi Fabbri.

Nello stesso anno viene nominato Ispettore Onorario per i Monumenti e Belle Arti della Provincia di Viterbo.

Nel 1961 esegue il primo rilevamento topografico di dettaglio dell’Antica Volsini.
Dal 1962 al 1982 è nominato esperto della Cassa per il Mezzogiorno nel settore Restauri Monumentali, Scavi Archeologici e Musei; gli scavi archeologici di Sibari ed il Museo Vulcanologico di Lipari nascono da sue personali iniziative.

Nel 1965 fonda i Gruppi Archeologici d’Italia. Primo al mondo ad applicare il metodo delle “trilaterazioni” nel rilevamento topografico subacqueo.

Nel 1968 gli viene conferito il premio Tridente d’Oro per la ricerca Scientifica Archeologica Subacquea della Confederazione Mondiale Attività Subacquea.

Nel 1969 decorato della Medaglia d’Argento ai Benemeriti della Cultura dal Presidente della Repubblica Italiana.

Nel 1972 progetta e realizza (senza brevettarla) la “Fotorotaia”. Uno dei primi e più efficaci apparecchi per il rilevamento topografico stereoscopico subacqueo.

Dal 1978 al 1991 progetta, realizza e dirige il Museo Territoriale del Lago di Bolsena, presso il Castello Monaldeschi della Cervara.

Nel 1984 viene nominato cittadino onorario di Ustica.

Nel 1986, da una propria idea, organizza e dirige accertamenti geo- archeologici nel lago di Bolsena, con una operazione denominata “Vulcano”.

Nel 1991 viene nominato conservatore onorario del Museo territoriale del Lago di Bolsena

Nel 1993 dirige l’operazione Explorer.

Riceve nel 1995 il brevetto n° 681/1396 “Istruttore Specializzato in Archeologia Subacquea” dell’ “Associazione Nazionale Istruttori Subacquei” ( A.N.I.S).

.

Numerosi anche i riconoscimenti che gli vengono tributati, fra i quali:

1968, Tridente d’oro – Sezione Scientifica . “Per gli importanti scavi archeologici che hanno portato alla scoperta della città villanoviana sommersa nel Lago di Bolsena

1969, Medaglia d’argento del Presidente della Repubblica.  Ispettore Onorario per le Opere d’Arte del Comune di Bolsena ha dato un efficacissimo contributo alla Soprintendenza nell’interesse della tutela ambientale e monumentale della zona (medaglia ai “Benemeriti della Cultura”)

1998, Annual Award. Per essere stato uno dei grandi iniziatori della ricerca archeologica subacquea, il cui nome è legato alla scoperta di numerosi siti, primo fra tutti quello che alla fine degli anni Cinquanta portò alla luce, nel lago di Bolsena, un insediamento dell’età del Ferro, ed all’applicazione di nuove tecniche di rilevamento topografico e fotografico subacqueo

2004, Premio Rodolfo Faina. Alessandro Fioravanti nella sua qualità di ingegnere archeologo non è soltanto il promotore ed organizzatore del Museo di Bolsena, lo scopritore dell’insediamento del Gran Carro, nonché delle due piroghe monoxile che ci riportano all’alba dei tempi: Fioravanti è prima di tutto il Nume tutelare del Lago, colui che fin dalla metà dello scorso secolo ha guidato le più importanti e talvolta aspre –battaglie in sua difesa, sia come tesoro naturalistico, sia come bacino naturale ricco di storia,tradizioni, prospettive di sviluppo.Se oggi il Lago di Bolsena gode di buona salute e può contare, per il futuro, su solide garanzie di salvaguardia, lo si deve in gran parte ad Alessandro Fioravanti, cui il Comitato del Premio Rodolfo Faina ha l’onore di conferire il riconoscimento per l’anno 2004

2008, XVIII Premio Internazionale di Archeologia Subacquea Franco Papò. Ad Alessandro Fioravanti, pioniere dell’archeologia subacquea, inventore di metodologie e sistemi di rilievo, studiate per lo scavo del “Gran Carro”, in seguito adottata per l’estrema precisione.

2009, Premio Archeotuscia. All’Ing. Alessandro Fioravanti per la sua pioneristica ad appassionata attività svolta nell’ambito dell’Archeologia Subacquea che ha valorizzato in maniera superba le antichissime vestigia della Tuscia.

 

Tag: , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: